Home > antimperialismo > London, Pittsburg, Istanbul… make capitalism history!

London, Pittsburg, Istanbul… make capitalism history!

10 ottobre 2009
 
Traduciamo e pubblichiamo tre piccole notizie sulle proteste che in tutto il mondo hanno costellato i vertici del G20, dell’Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale

 

In stato d’accusa uno dei poliziotti britannici colpevoli delle violenze nei giorni del G20 di Londra

Sotto accusa il poliziotto britannico colpevole di aver picchiato una donna durante le proteste contro il G20 dello scorso aprile. Se sarà considerato colpevole potrà essere condannato fino a 6 mesi di carcere. Il fatto risale al giorno successivo alla morte di Ian Tomlinson, l’edicolante deceduto in seguito allo spintone di un agente britannico. La donna era infatti in piazza per protestare per quanto accaduto e per chiedere giustizia e verità.

leggi la fonte
clicca qui per il video che mostra l’aggressione subita dalla donna


Usa Twitter per aiutare i manifestanti di Pittsburgh contro la polizia.  Arrestato.


Un anarchico di New York, Elliott Madison, è stato arrestato dall’FBI con l’accusa di aver utilizzato un social network, Twitter, per informare i manifestanti, convenuti a Pittburgh per protestare contro il vertice del G20, sui movimenti della polizia. Il tutto tramite internet e cellulari. Assieme a Michael Wallschlaeger, aveva affittato una stanza in un hotel di Pittsburgh trasformandola, secondo quanto riportato dall’FBI, in un vero e proprio centro logistico di supporto ai manifestanti. Per la cronaca, l’FBI ha sequestrato, oltre a computer e scanner, anche libri anarchici e immagini di Marx e Lenin. L’azione dei due non ha comunque impedito che si registrassero ben 200 arresti su un totale di circa 5000 manifestanti.

leggi la fonte dal Guardian

Manifestazioni contro FMI e BM ad Istanbul


Ancora scontri ad Istanbul tra manifestanti e forze di polizia. In occasione del vertice annuale del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale sono scese in strada migliaia di persone per protestare contro le politiche che queste organizzazioni internazionali propugnano in tutto il mondo. All’ordine del giorno in questo caso c’è infatti un nuovo prestito richiesto dalla Turchia che sarà concesso solo se il governo di Ankara metterà in essere un programma di “riforma” (meglio di smantellamento) dello stato sociale, nonché di ulteriori privatizzazioni. La polizia per disperdere i manifestanti ha utilizzato gas lacrimogeni, cannoni ad acqua ed ha fermato all’incirca 100 persone. Inoltre, in seguito agli scontri di piazza un uomo di 57 anni è morto per infarto.


leggi la fonte
clicca qui per le foto 

Categorie:antimperialismo Tag:
I commenti sono chiusi.